Todo lo que está a mi lado

Fernando Rubio

Todo lo que está a mi lado

ideazione e regia Fernando Rubio
con Cecilia Di Giuli, Caterina Fiocchetti, Agnese Foi, Maria Caterina Frani, Eleonora Giua, Elisa Cecilia Langone, Maria Grazia Sughi
management Martin Grosman
co-produzione SardegnaTeatro, Teatro Stabile dell’Umbria/Terni Festival, Teatro Metastasio di Prato/ Contemporanea Prato in collaborazione con Short Theatre
per uno spettatore alla volta

Lo spettacolo è nato a seguito di un sogno che ha riportato alla memoria una storia perduta di infanzia. Una storia che era rimasta sospesa da qualche parte nella mente e nell’anima per 25 anni. Quel luogo immaginario ma al contempo reale ha dato forma a una riflessione sull’intimità, sui piccoli movimenti sottili, sulle relazioni con gli altri, la nostra presenza nello spazio e nel tempo e sul modo strano in cui condividiamo lo spazio con uno sconosciuto. Lo spettacolo, messo in scena in diversi spazi nelle città di tutto il mondo, prevede 7 letti, in ciascuno dei quali si trovano un’attrice e uno spettatore. La performance, nel silenzio di un parco, in spazi neutrali o nel centro storico, offre un’esperienza intima e speciale. Prendendo spunto dal concetto di limite, si riflette sulle sfumature estetiche, concettuali e urbane implicate in un momento indimenticabile, un momento intimo tra due sconosciuti. Un letto. Un’attrice. Uno spettatore. Tutto ciò ciò che sta intorno.

Impressioni degli spettatori


Tiziana RinaldiTiziana Rinaldi24/09/2016

Hai visto questo spettacolo?

Entra a far parte della community e scrivi la tua impressione!