La ridiculosa commedia della terra contesa

I Nuovi Scalzi

La ridiculosa commedia della terra contesa

di I Nuovi Scalzi
canovaccio e testi I Nuovi Scalzi e Claudio De Maglio
con Savino Maria Italiano, Olga Mascolo, Ivano Picciallo, Piergiorgio Maria Savarese
regia I Nuovi Scalzi
luci Grazia Perilli
musiche originali I Nuovi Scalzi
maschere Stefano Perocco di Meduna e Zorba Officine Creative
foto di scena Fraseggio

La ridiculosa commedia della terra contesa, partendo dalla studio della tradizione fino ad arrivare ai giorni nostri, trae dalla Commedia dell’Arte una motivazione sociale. Al centro viene posto il tema del potere economico e della speculazione edilizia per aprire una riflessione su temi come la proprietà, il dominio politico, la convivenza, la corruzione, l’opportunismo, lo sfruttamento. Anche l’amore viene affrontato nelle sue più ampie sfaccettature: l’amore fra innamorati, ma anche l’amore per la giustizia, l’amore per la terra come bene comune e risorsa universale. La storia prende ispirazione dalle dinamiche dell’interesse economico ed espansionistico che sono alle radici dei conflitti di confine collocandosi a metà fra tradizione popolare, fantasia e storia.

Impressioni degli spettatori


Alberto FucciAlberto Fucci26/01/2017

Hai visto questo spettacolo?

Entra a far parte della community e scrivi la tua impressione!