Niccolò Parnetti
Il pensiero di Niccolò Parnetti su "Tappa"

Storie di paese per indagare la società odierna

Visto il 08/03/2018 | Teatro Verdi, Monte San Savino

Riportiamo di seguito il commento spontaneo di uno spettatore, estratto da una conversazione su WhatsApp, dopo aver visto Tappa della compagnia Gli Omini.

Veramente bello! Alla mamma è piaciuto molto, a me ha colpito il fatto che con ironia e semplicità hanno veramente fatto una foto, non solo di Monte San Savino ma anche della realtà del paese. Io vivo in un paese e so che ognuno ha i suoi personaggi e molte persone anziane vorrebbero raccontare la loro storia. In più, hanno inserito la figura dello straniero, che è sempre molto sentita nella comunità paesana: il monologo del ragazzo africano mi ha colpito molto, perché secondo me ha aperto gli occhi anche a chi è più restio ad accettare gli stranieri. Dalla platea si sentiva il pubblico di Monte San Savino che rideva come un matto perché riconosceva i personaggi. E poi gli attori hanno fatto il dialetto aretino molto bene, hanno azzeccato proprio l’intercalata. Insomma, è stato un bello spettacolo, costruito in pochissimo tempo tra l’altro.


Tutti i pensieri degli spettatori su
"Tappa"